Annunci

Sarri: “Buona prestazione di carattere”

il tuo dibattito su Juve e calcio

Sarri: “Buona prestazione di carattere”

3 Novembre 2019 Sarri dixit 0

La conferenza stampa di Maurizio Sarri post Torino-Juventus 0-1, 02.11.2019

Foto: @juventustv su Twitter

Sarri: “Ho vinto tre volte Sangiovannese-Montevarchi che per me era un derby straordinario, perché essendo valdarnese è un derby serio”.

“Che la partita presupponeva due o tre fasi differenti era abbastanza prevedibile. Che l’inizio del Torino sarebbe stato di grandissimo livello di intensità e di aggressività era facile intuirlo. Il primo obiettivo della partita era quello di reggere a livello di determinazione questo impatto che avrebbe avuto il Torino sulla partita. Che nel momento in cui calavano di intensità dovevamo provare a prendere in mano la partita era facile da prevedere, l’abbiamo fatto nella parte finale del primo tempo. E che una volta presa in mano bisognava cercare di chiuderla, purtroppo abbiamo mancato un paio di volte la palla del 2-0, però poi nel secondo tempo siamo andati a chiuderla. Io sono contento della prestazione della squadra perché ci siamo trovati dentro la partita, un derby bello tosto, di grande intensità, di grande aggressività, una partita che poteva essere anche non adatta alle nostre caratteristiche invece ci siamo stati dentro bene. Alla fine l’abbiamo risolta e quando un allenatore vede una prestazione solida caratterialmente da parte della propria squadra è contento. Poi è chiaro che il tipo di partita che è venuto fuori è un derby classico e può costare qualcosa a livello di qualità di palleggio, però fa parte del tipo di partita che viene fuori”.

Annunci

“Se uno mi dice che tenevo la linea altissima io godo, per me è un complimento perché è quello che cerchiamo di fare costantemente. A me sembra che l’attacco della profondità degli attaccanti del Torino non ci ha mai creato una difficoltà. Non ricordo, può darsi che ci sia qualche episodio che mi sfugge, però così a occhio non mi ricordo, mi sembra che siamo scappati sempre nei tempi giusti. Mi sembra che la linea difensiva, o meglio la fase difensiva della squadra, stasera ha funzionato piuttosto bene, perché poi la forza offensiva del Torino non è trascurabile: è una squadra che ha fisicità, accelerazione, colpi dentro l’area di rigore. Mi sembra che alla fine si è fatta una prestazione difensiva di buon livello”.

“Secondo me nel primo tempo a tratti abbiamo cercato la profondità ma da troppo lontano, palle che venivano da 70 metri dalla porta e quindi tutte situazioni leggibili e rimediabili, perché la palla nell’area 5 secondi e quindi la richiesta era di andare ad attaccare sì la profondità ma portando la squadra più vicino alla porta avversaria. Poi ci mancava un po’ di riempimento dell’aria come ci può succedere perché la sensazione, non ho rivisto la partita, ma la sensazione dalla panchina è che nel primo tempo erano un po’ troppo distanti tra di loro Dybala e Ronaldo, quindi tirandosi fuori troppo forse Dybala e decentrandosi un po’ Ronaldo avevamo problemi a riempire l’area di rigore e non riuscivamo a venire vicino all’area di rigore. Poi c’è anche un discorso di freschezza: il problema stasera era che noi potevamo avere Dybala e Bernardeschi leggermente stanchi perché vengono da una serie di partite piuttosto lunga e potevamo avere Ramsey e Higuain piuttosto corti perché vengono da un periodo di inattività e quindi con il dubbio che ci reggessero 90 minuti. Abbiamo trovato questa via di mezzo che ci ha premiato”.

Annunci

“Quanto fa 27 per 3? Qquindi ci sono 81 punti in palio tra Juventus e Inter. Già la classifica di domani sera ti può dare un’idea diversa, perché stasera stiamo leggendo una classifica in cui ci sono squadre di alta classifica che devono ancora giocare. Può darsi che domani sera l’Atalanta si avvicina. Mi sembra un po’ prematuro, per il giornalista è più interessante creare interesse subito intorno allo scontro testa a testa tra due squadre, però sinceramente mi sembra un po’ presto per pensare che tutte le altre sono tagliate fuori”.

“Stasera de Ligt aveva la mano al posto sbagliato al momento sbagliato. Per fortuna aveva il piede al posto giusto al momento giusto”.

Annunci