Annunci

Sarri: "Giocare con Dybala, Higuain e Ronaldo è problematico"

il tuo dibattito su Juve e calcio

Sarri: "Giocare con Dybala, Higuain e Ronaldo è problematico"

30 Novembre 2019 Sarri dixit 0

La conferenza stampa di Maurizio Sarri pre Juventus-Sassuolo, 30.11.2019

Foto: @juventusfc su Twitter

Sarri: “Alex Sandro ieri ha fatto tutto con la squadra, dal punto di vista medico sta bene. C’è da capire se la condizione fisica ne ha risentito o meno però è sicuramente disponibile. Bernardeschi sta bene, è a disposizione, è un giocatore che in questo momento è molto utile alla squadra perché ci garantisce molto lavoro difensivo. È un ragazzo che ha delle qualità tecniche per cui potrebbe incidere di più sulle partite, quindi gli viene chiesto di crescere da questo punto di vista”.

“Il mal di testa nelle scelte di formazione viene a chi ha tre giocatori scarsi. Cristiano è una risorsa immensa per noi. Non so in che misura percentuale sia in questo momento dal punto di vista fisico, nell’ultima partita ha fatto bene a livello di resistenza perché ho visto che nel finale di partita ha corso e ha cercato di darci una mano in un momento di difficoltà anche nella fase difensiva. Probabilmente deve crescere dopo questo periodo a livello di brillantezza, questo è abbastanza normale. L’alternanza davanti mi sembra normale, abbiamo la fortuna di avere tre giocatori di livello mondiale, li stiamo alternando e stanno facendo bene. Sono tre giocatori di una potenzialità enorme, per cui uno si aspetta sempre molto da loro ma stanno facendo bene. Ronaldo ieri ha fatto un buon allenamento, in parte con noi in parte su un programma personale, ma ho visto i dati ieri sera e ha fatto un allenamento notevole”.

Annunci

“Questi giocatori abituati a segnare hanno sempre l’ansia del gol. Sono abituati a trovare il gol con una grandissima frequenza, per cui per loro è normale segnare e si meravigliano sempre quando passano una partita o due senza segnare. Ma questo vale per Ronaldo e vale per tutti i giocatori abituati ad avere cifre importanti di gol. Secondo me è anche un bene perché questo gli dà motivazioni, quindi va benissimo”.

“Emre Can può essere un’opzione per domani, visto che lui in Europa non gioca per motivi di lista e nelle partite post Europa se ci sono le condizioni perché lui possa giocare viene fatto giocare, come è successo a Lecce”.

Annunci

“La situazione era talmente chiara fin dall’inizio ed è stata descritta in maniera talmente chiara ai giocatori che non c’è motivo di nervosismo. Ronaldo è un qualcosa di diverso, è inutile pensare che i giocatori siano tutti uguali perché non è assolutamente così. Questi ragazzi hanno dimostrato che nel momento in cui accettano la situazione sono in grado di fare bene, quindi se non l’accettassero più sarebbe un problema per la squadra ma principalmente sarebbe un problema individuale per loro, perché smetterebbero di fare bene. Non vedo una grandissima problematica da questo punto di vista”.

“Barzagli è una risorsa. Se si parla della fase difensiva a livello individuale, Barzagli può insegnare tantissimo perché è stato un difensore straordinario, proprio dal punto di vista della tattica individuale oltre che di quella collettiva. I nostri difensori, al di là del lavoro che si può fare sul campo che è pochissimo purtroppo, perché giocando ogni tre giorni non è che si può lavare tanto sul campo, ma se si mette a sedere un quarto d’ora a vedere un filmato con Barzagli possono venire fuori cose interessanti. Al di là di Andrea, c’è il fatto che de Ligt comincia ad abituarsi al nostro modo di giocare, al modo di giocare del nostro campionato e tutto il resto. Che questo aveva qualità immense era abbastanza evidente”.

Annunci

“Per la formazione vediamo la situazione complessiva di chi può aver bisogno di riposo. Cuadrado è fresco perché ha riposato nell’ultima partita martedì. Alex Sandro è in recupero, non so se sia pronto per i 90 minuti ma sicuramente è in recupero perché ieri ha fatto tutto. E poi vediamo la situazione dei centrali, chi dei due se c’è uno dei due che è uscito peggio”.

“Dall’ultima settimana di agosto fino alla prossima abbiamo sempre avuto tre impegni alla settimana. Se consideri che in 48 ore i giocatori fanno scarico e poi c’è da preparare un’altra partita, non è che c’è tempo per tanti esperimenti. Per esperimenti io intendo allenamenti veri, perché provarli in un allenamento blando non significa assolutamente niente. Per giocare tutti e tre insieme Dybala, Higuain e Ronaldo è problematico per le caratteristiche dei tre giocatori, perché giocare con tre punte significa avere un attaccante centrale e due attaccanti esterni e non è il caso nostro, per giocare 1-2 significa avere un trequartista e due attaccanti centrali e non è il caso nostro. Quindi non è assolutamente semplice per le caratteristiche dei tre. Poi è chiaro che nei momenti di necessità sarà fatto”.

Annunci

“Le valutazioni dipendono tutte da quello che chiedo al giocatore, quanto i giocatori riescano velocemente a darti quello che gli chiedi o se per caratteristiche sono adatti a fare quello che gli chiedi. Può darsi che le valutazioni che vengono fatte in un momento della stagione non sono più le stesse se le rifai dopo sei mesi, perché certi giocatori si sono assoggettati al modo di giocare, altri fanno fatica in quel modo di giocare. Se le scelte che ho fatto sono andate in quella direzione è perché in questo momento penso che gli altri si siano assoggettati più velocemente”.

“La partita contro il Sassuolo è pericolosissima: noi veniamo da una partita di campionato che era palesemente difficile, in cui abbiamo speso e quando parlo di spendere parlo più di energie nervose e mentali che non di quelle fisiche. Le partite di Champions come sempre sono partite dispendiose. Non a caso dopo le ultime due partite di Champions abbiamo giocato a Lecce e in casa contro il Milan e abbiamo sofferto. Quindi è una partita difficile anche perché il Sassuolo ha dei numeri nell’espressione tattica delle partite nettamente superiori a quelli che poi sono i punti che ha in classifica e la posizione della classifica. È una squadra che gioca tantissimi palloni, è una squadra che anche in trasferta va al tiro con grande facilità, mi sembra che abbia una media vicino ai 15 tiri a partita, una media di 45 palloni giocati dentro l’area avversaria a partita in trasferta. Quindi i numeri dei punti non corrispondono a quello che il Sassuolo sta scrivendo in campo. Ha un allenatore giovane, allenatore forte e questo non lo sto dicendo oggi ma l’ho sempre detto, perché anche a una domanda in Inghilterra dove mi chiesero degli allenatori italiani giovani su chi avrei puntato io risposi Roberto De Zerbi. Perché è un allenatore che ha grandi idee, poi dovrà fare chiaramente un percorso, è giovanissimo, ha tanto tempo per farlo e diventerà un grande allenatore sicuramente”.

Annunci

“Non so chi vincerà il Pallone d’oro. Se lo chiedi a me io penso e spero che lo vinca Ronaldo, se poi non è così mi dispiace perché è un giocatore di livello che sarà sempre in lizza per il Pallone d’oro. Spero che de Ligt possa ottenere la vittoria per quanto riguarda i giovani. Spero che Dybala in futuro sia un pretendente serissimo e una candidatura estremamente seria per il Pallone d’oro. Anche se a me i premi individuali sinceramente, scusate per la categoria, ma soprattutto se vengono dati dai giornalisti mi interessano veramente poco”.

Annunci