Annunci

Sarri: “Eravamo meno brillanti fin dall’inizio”

il tuo dibattito su Juve e calcio

Sarri: “Eravamo meno brillanti fin dall’inizio”

22 Dicembre 2019 Sarri dixit 0

La conferenza stampa di Maurizio Sarri post Juventus-Lazio 1-3 Coca Cola Supercup, 22.12.2019

Foto: @juventusfcen su Twitter

Sarri: “La cosa buona che siamo stati in partita. La mia sensazione è che ci siamo arrivati con un piccolo deficit di energie fisiche e di energie mentali. Può succedere, era l’ottava partita in pochissimo tempo, la fine di questo ciclo e probabilmente siamo arrivati con qualcosa in meno dal punto di vista energetico rispetto agli avversari. Però al novantesimo abbiamo sfiorato il pareggio. Il 3 a 1 preso al novantatreesimo lascia il tempo che trova, al novantesimo eravamo pienamente in partita, al 91esimo abbiamo calciato una punizione da buona posizione. La partita poteva finire anche in un altro modo. La sensazione di un pizzico di energia in meno rispetto a loro c’è”.

“De Sciglio ha giocato tutta la vita a destra, è un destro naturale, le prime tre partite della stagione le ha fatte a destra, poi non avendo sinistri naturali oltre ad Alex Sandro abbiamo fatto la scelta di farci giocare a volte lui perché è uno che utilizza abbastanza bene anche l’altro piede. Era in un momento di buona condizione fisica, non aveva giocato mercoledì e quindi ci sembrava normale metterlo dentro per avere qualche giocatore fresco in più”.

Annunci

“Il tridente ha fatto la partita che doveva fare, come gli altri 7 probabilmente siamo arrivati un po’ corti a livello di energie. Il cambio del tridente era dovuto a questo, c’era la sensazione che la squadra era un attimino stanca e in campo c’era la necessità di mettere forze fresche”.

“Per quanto riguarda noi ci dispiace aver perso un trofeo, questo è ovvio, ma abbiamo da giocare altri 5 mesi, abbiamo tante competizioni in ballo, quindi non vedo come possa influire. Per quanto riguarda la Lazio penso che la Lazio sia in un momento di fiducia totale e che non abbia bisogno di altre iniezione di fiducia, penso che la loro condizione in questo momento sia molto molto elevata”.

Annunci

“L’allenamento di ieri mi ha portato su una strada diversa, abbiamo fatto forse il migliore allenamento della stagione. Quindi mi ha lasciato sensazioni di brillantezza che forse non erano completamente vere, però è una sensazione che ho avuto io e che ha avuto tutto lo staff e tutto l’ambiente. Questo ci ha indotti a cambiare 3-4 giocatori solamente e probabilmente quello che abbiamo visto ieri non era completamente vero”.

“Può aver influito il minor tempo a disposizione per preparare la partita ma il calendario era questo, dovevamo riuscire noi ad andare oltre a questa difficoltà, non c’era niente da fare”.

Annunci

“Ritornando sul tridente vorrei ricordarvi che la partita l’abbiamo persa quando avevamo il centrocampista in più, non c’era più un attaccante. Non li ritengo responsabili per la sconfitta. L’amarezza c’è, però in queste situazioni come succede sempre dobbiamo guardare subito in avanti, perché piangersi addosso non è che ci risolve i problemi”.

“Per quanto riguarda me, io avevo sempre vinto contro la Lazio quindi non c’è un impatto psicologico da questo punto di vista, per quanto riguarda i miei giocatori penso che non si facciano assolutamente condizionare da due partite. Può darsi che in questo momento la Lazio abbia una condizione psicofisica superiore alla nostra, può darsi che fra 3-4 mesi quando li riaffrontiamo sarà il contrario e riusciamo a portarli via di peso dal campo. Non penso che ci possa condizionare. La consapevolezza in questo momento che loro vivono un momento magico ce l’avevamo, però questo tra qualche mese potrebbe non essere più così. Se poi la Lazio continua così per 8 mesi consecutivi c’è poco da fare per tutti”.

Annunci

“Non penso che il problema del dispendio fisico dipendesse dal tridente, probabilmente è venuto fuori perché le energie già iniziali non erano tante e perché potevamo scivolare meglio con i difensori esterni per risparmiare qualche corsa laterale ai nostri centrocampisti. È l’interpretazione che ci ha portato a spendere qualche energia in più, ma la sensazione non è che abbiamo perso per stanchezza ma per mancanza di brillantezza. Non siamo crollati al settantesimo, eravamo meno brillanti fin dall’inizio”.

Annunci