Annunci

Sarri: “Dobbiamo giocare a un altro ritmo”

il tuo dibattito su Juve e calcio

Sarri: “Dobbiamo giocare a un altro ritmo”

27 Febbraio 2020 Sarri dixit 0

La conferenza stampa di Maurizio Sarri post Lione-Juventus 1-0, 26.02.2020

Foto: @juventustv su Twitter

Sarri: “Non era la solita Juve, il primo tempo non era la solita Juve, era molto peggio. Abbiamo approcciato la partita sotto ritmo in fase offensiva, muovendo la palla molto lentamente, con scarso livello di aggressività. Solito approccio che ogni tanto purtroppo ci succede, senza riuscire a venire a capo delle motivazioni. Anche il problema della palla mossa lentamente ce l’abbiamo spesso, è un tipo di discorso che faccio difficoltà a far passare. Nel secondo tempo abbiamo fatto una partita diversa, abbiamo fatto più ritmo, abbiamo messo la palla più velocemente, abbiamo fatto più movimento senza palla, abbiamo recuperati molti più palloni nella metà campo avversaria fino a portarli in una fase finale in cui giocavamo dentro l’area di rigore degli avversari. È un po’ poco per una partita di Champions. Per fortuna ci sono ulteriori 90 minuti per poter mettere a posto la situazione, ma la situazione va messa a posto complessivamente, non solo per questa doppia sfida. Se noi muoviamo la palla a questa velocità diventa difficile diventare una squadra difficilmente controllabile. Più subisci l’aggressività degli avversari, più finisci per concedere, anche se stasera esclusi 10 minuti non abbiamo neanche concesso tantissimo agli avversari. Nella fase offensiva abbiamo fatto, per un ottavo di finale di Champions, poco”.

Annunci

“In Italia in questa partita ci sarebbero stati due rigori: quello su Ronaldo e quello su Dybala. Gli arbitraggi europei spesso hanno un metro diverso, stasera giocavamo a livello europeo e ci dobbiamo adeguare”.

“Dobbiamo avere un livello di aggressività nettamente diverso e fare una fase offensiva con ritmi nettamente diversi. A questi ritmi tutte le difese possono diventare solide, a ritmi più alti come si è visto negli ultimi 20 minuti tutte le difese possono scricchiolare. Al ritorno dobbiamo giocare a un altro ritmo”.

“Allarmante non è niente, l’aspetto preoccupante sono gli aspetti generali, questa lentezza nella manovra è qualcosa che dobbiamo spazzare via, non possiamo essere una squadra estremamente produttiva su questi ritmi. Quello è l’aspetto principale, che dobbiamo cercare di spazzare via da certe nostre prestazioni. Non è la prima volta che lo facciamo, anche all’interno di prestazione di buon livello ci mettiamo un quarto d’ora, 20 minuti con queste caratteristiche. È quello l’aspetto”.

Annunci

“Io non esco durante il riscaldamento, lo staff mi ha detto che la squadra ha fatto un riscaldamento normale, non hanno visto grandi segnali in questo senso”.

“Io non ho detto che c’è un problema di relazione con i giocatori, io ho parlato di velocità di circolazione della palla, di aggressività. Non ho detto che non rispondono alle consegne. Rispettare una consegna a 100 all’ora è un aspetto, rispettare una consegna facendo viaggiare la palla 10 all’ora è un altro aspetto, vengono fuori due calci diversi. Questo non vuol dire assolutamente niente a livello di relazioni interpersonali, è un difetto enorme che abbiamo. Non so se è venuto fuori in questa stagione, se era venuto fuori anche nelle stagioni precedenti, questo non te lo so dire, o se è venuto fuori di fronte alla richiesta di farla viaggiare più veloce di prima e loro hanno difficoltà a fare questo tipo di lavoro”.

Annunci