Pirlo pre Genoa-Juventus: “Dobbiamo archiviare Barcellona”

L’intervista a JTV di Andrea Pirlo pre Genoa-Juventus di Serie A, sabato 12 dicembre 2020

Pirlo: “Non ho avuto la fortuna di conoscere benissimo Paolo Rossi. Qualche volta di sfuggita. Il ricordo indelebile di lui rimane dei Mondiali dell’82, ero piccolissimo, non mi ricordo, però le immagini sono storia. È stato il nostro eroe e quindi non lo dimenticheremo mai”.

“Se abbiamo ancora in testa Barcellona cancelliamola perché bisogna voltare pagina, bisogna dare continuità. Non deve essere stata solo questo tipo di partita, fatta perché era contro il Barcellona. Bisogna continuare su questa voglia, con questo ritmo, perché adesso c’è il campionato. Quindi bisogna pensare a fare meglio in queste ultime quattro partite”.

“Queste partite ti portano grande consapevolezza di miglioramenti. Può essere un iniezione di fiducia grossa per questo finale di partite prima della sosta. Dobbiamo avere la stessa voglia, la stessa concentrazione, perché se non andiamo con questa voglia andremo incontro a brutte sorprese. Ci concentriamo per fare delle grandi partite”.

“Contro il Genoa è una gara difficile come tutte le gare quando si va in uno stadio così importante. Loro sono una squadra molto brava a difendersi e ripartire perché hanno giocatori rapidi, di spessore fisico. Davanti dovremo essere molto attenti e molto concentrati a fare la nostra partita”.

“Stanno tutti bene. Hanno recuperato tutti, anche Morata fortunatamente gli è stata tolta una giornata di squalifica. Quindi sono tutti a disposizione”.

“Pensando a Marassi mi viene in mente uno stadio in inglese. È uno stadio dove mi è sempre piaciuto giocare da calciatore, ho fatto anche un bel gol con la maglia della Juventus, importante. Quindi quello forse è il ricordo più veloce che mi viene in mente”.

“McKennie si sta inserendo bene, pian piano comincia a capire meglio anche l’italiano e quindi con i ragazzi riesce ad esprimersi meglio. È un giocatore con grande corsa, grande voglia, ampi margini di miglioramento, però l’inserimento è sicuramente una delle sue doti principali. Sta migliorando ma può fare ancora meglio”.

“Cuadrado è un giocatore importante per noi, lo è stato anche per le Juventus passate. È un giocatore che sa fare sia la fase offensiva che quella difensiva, anche se gli rimprovero che tante volte manca di concentrazione quindi lì deve migliorare, non si deve adagiare sulle cose belle ma deve essere sempre dentro la partita per 90 minuti”.

“Nella difesa sta crescendo la voglia di andare in avanti. Quindi quando attacchi in avanti le squadre avversarie hanno meno possibilità di venire a giocare nella tua metà campo. Nella nostra testa deve esserci di riuscire a prendere la metà campo avversaria cercando sempre di avere un pressing offensivo. Poi la fase difensiva anche quando siamo nella nostra area o all’interno del nostro centrocampo deve essere aggressiva e mai passiva e in questo stiamo crescendo”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.