Pirlo post Juventus-Bologna 2-0: “Potevamo chiudere la gara nel primo tempo”

La conferenza stampa di Andrea Pirlo post Juventus-Bologna 2-0, domenica 24 gennaio 2021

Pirlo: “Volevamo dare subito un’impronta aggressiva alla gara, soprattutto perché non dovevamo essere appagati dopo la vittoria di mercoledì. Bisognava avere un atteggiamento propositivo ed aggressivo fin dal primo minuto, l’abbiamo fatto bene. Peccato non aver chiuso la partita già nel primo tempo dopo tutte le occasioni avute davanti al portiere”.

“Per non soffrire bisogna fare gol quando hai l’opportunità, soprattutto quando ti capitano le occasioni due contro uno, tre contro uno. Bisogna essere più freddi, più lucidi nella ricerca e nella scelta dell’ultimo passaggio, quando non riesci a chiudere le partite rimangono sempre in bilico”.

“È importante il recupero di de Ligt come è importante il recupero di Alex Sandro e di Cuadrado. Pian piano stiamo recuperando tutti i giocatori. Avremo anche più spazio per delle rotazioni e far recuperare certi giocatori che stanno tirando la carretta dall’inizio del campionato. È importante non prendere gol, soprattutto per avere grande autostima, continuare ad avere questa voglia di non prendere gol che ti dà una grande forza a livello di squadra”.

“La coppia Ronaldo-Kulusevski si trova bene. Sono due giocatori diversi che però riescono a trovarsi bene in tante situazioni. Sono giocatori che non sono prime punte ma sono molto bravi sia nel venire incontro che ad attaccare lo spazio. È una coppia che può giocare insieme”.

“Arthur ha fatto un’altra grande partita ma lo sapevamo. Ha avuto qualche problema alla fine dello scorso anno dopo la botta presa con l’Atalanta, ha avuto un po’ di tempo in più per recuperare, adesso sta bene. Sappiamo quello che ci può dare, ha caratteristiche che altri centrocampisti non hanno all’interno della costruzione del gioco, riesce a far uscire bene pulita la nostra costruzione”.

“Dybala si sta allenando, sta cercando di migliorare. Ha ancora dei fastidi al ginocchio, è da seguire giorno dopo giorno”.

“Il campionato è aperto a tante squadre. Lo sapevamo e l’abbiamo detto fin dall’inizio, ci sono tante squadre forti. Giocando ogni tre giorni non è facile avere sempre la lucidità e la forza mentale per affrontare al massimo tutte le partite. Possiamo migliorare tanto, abbiamo giocatori che hanno giocato poco quest’anno per via dei tanti infortuni. La possibilità di crescere è ancora ampia, dobbiamo migliorare in tante cose. Pian piano stiamo trovando la giusta solidità”.

“Kulusevski al posto di Morata è stata una scelta tecnica, sapevamo che il Bologna sarebbe venuto a prenderci uomo contro uomo . Kulusevski è un giocatore che riesce più a venire incontro e muoversi tra le linee, era la soluzione ideale per portare fuori i loro giocatori dalle loro zone di competenza”.

“Bonucci aveva preso una ginocchiata nel muscolo, abbiamo preferito toglierlo per evitare altri problemi. Per adesso non siamo alla rincorsa di un nuovo attaccante. Siamo alla finestra ma non è una nostra priorità”.

“Quando vedi che il giorno prima le altre pretendenti perdono punti è normale che tu abbia in testa la voglia di accorciare e di vincere le partite. Noi siamo dietro ma dobbiamo pensare solo a noi stessi, al nostro cammino, perché dipenderà sempre solo da quello che facciamo noi in campo”.

“Mi aspettavo che a metà campionato il Milan in quella posizione avesse la voglia di continuare e mettere giocatori all’interno con un certo peso, per dare continuità a quello che stanno facendo. Mandzukic non lo conosco personalmente perché qua alla Juve non abbiamo giocato insieme, però è un grande attaccante e farà valere il suo potenziale nel Milan”.

“Dall’inizio del campionato non abbiamo ancora avuto tutti a disposizione, quindi non abbiamo avuto neanche la possibilità di farli ruotare. Erano quasi sempre gli stessi, per periodi diversi ma sempre gli stessi. La difesa a tre non è un’opzione che abbiamo ancora provato, potrà capitare in certe partite o in certe situazioni in corso di gara”.

“Inter e Milan sono due squadre importanti che hanno l’obiettivo di vincere lo scudetto, come lo abbiamo noi, come lo ha la Roma, come lo ha il Napoli. Sarà un campionato avvincente e si potrà lottare fino alla fine con queste quattro o cinque squadre”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.