Chiellini ci ha fatto perdere lo scudetto

Chiellini è il principale responsabile della sconfitta di Napoli. Non me lo levo dalla testa da ieri sera. Non dal fischio finale, ma già dal 30° minuto quando è avvenuto il misfatto: la sua manata in faccia a Rrahmani, inspiegabile quanto goffa, evidente quanto fatale. So che non è così, so che non è solo colpa di Chiellini, eppure ciò che mi frulla nella testa incessantemente da ore è che sia vero il contrario, che la Juventus ha definitivamente perso lo scudetto per colpa di Giorgio Chiellini, il Capitano. Quello che li ha vinti tutti in questi 9 anni, quello che ha tramandato la mentalità, quello che ha difeso la porta, l’area e gli zeroazero che tanto gasano una certa stampa e una certa tifoseria. Lui, proprio lui, quello che doveva rientrare titolare perché con lui sarebbe stata tutta un’altra musica, quello che doveva insegnare cose a de Ligt, quello che doveva fare da chioccia ai giovani, quello che è l’uomo spogliatoio senza il quale non puoi vincere, quello che l’anno scorso era mancato troppo, quello che deve rinnovare perché è ancora in forma strepitosa, quello che marca meglio di Beckenbauer e imposta meglio… no, scusate, per un attimo avevo dimenticato che dei difetti di Chiellini in impostazione non si può parlare, è illegale. In realtà non è l’unico pensiero che viaggia nella mia testa, perché ce n’è anche un altro: le sue parole dopo la sconfitta contro l’Inter del 17 gennaio, al suo rientro da titolare per 90 minuti. Disse “i cicli finiscono” e tutti ci avevano appiccicato sopra l’etichetta del ciclo già finito, avevano girato la targa con l’avviso davanti alla porta sul lato dove c’è scritto TORNO SUBITO. Ecco, infatti: “torno” come il suo ritorno in campo, “subìto” magari con l’accento sulla i, come il gol di troppo contro il Napoli. Siamo lì, siamo fermi lì, in quel punto, in questo punto, e i pensieri non vanno via. No ma dico, ci pensate? Per anni siamo stati sommersi di lezioni e morali dai nostri stessi colleghi di tifo, che ci avevano detto che non bisognava badare alla fase offensiva, che l’importante era avere la miglior difesa, che il belgioco faceva solo danni, che Guardiola aveva rovinato il calcio, che Sarri era solo un cafone fortunato, che Allegri aveva “vinto” due finali di Champions; e d’un tratto mi tornano in gola tutti i bocconi che ho dovuto mandar giù, io come altri, ogni volta che provavamo a dire che forse con gli zeroazero non si vincono né le partite né i campionati, che senza una buona fase offensiva in Europa non si va da nessuna parte e talvolta si lasciano punti anche a Crotone, a Ferrara, a Benevento, a Verona, a Reggio Emilia. E di quei punti persi ricordo le lamentele e gli slogan: vi meritate questo e quell’altro, una società che vince da 9, 8, 7, 6… anni, giochiamo ogni tre giorni, non si può vincere sempre, in campo ci sono pure gli avversari, chi vuole divertirsi vada al circo. Sono confuso, ho in mente troppe cose tutte insieme, all’improvviso, come una manata in faccia che fa male e lascia il segno. Ma ci pensate (dicevo) che potremmo davvero aver perso lo scudetto a Napoli contro il Napoli di Insigne per un disastro difensivo di Chiellini che tutti volevano in campo proprio come garanzia di vincere anche il decimo scudetto di fila? Ci penso meglio e non ci credo, non ci posso credere, non è possibile, non è reale. Non deve essere così e magari non lo sarà. Infatti non abbiamo perso lo scudetto, non ancora almeno. Ma forse una cosa l’abbiamo capita: cosa NON dobbiamo fare se vogliamo vincerlo. Non dobbiamo stare chiusi in difesa, non dobbiamo fare a sportellate, non dobbiamo spazzare via il pallone, non dobbiamo rinunciare ad attaccare. Cosa resta, quindi? Una cosa semplice: giocare a calcio.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.