Se la Juve ha paura, ha già perso

Domani ci giochiamo la qualificazione ai quarti di Champions League contro il Porto. All’andata, il 17 febbraio, in Portogallo abbiamo perso 2-1 in maniera clamorosa e imperdonabile. Una delle peggiori sconfitte della storia recente della Juventus, non per il punteggio ma per le dinamiche e la prestazione. Se riusciremo o no a ribaltare lo svantaggio per andarci a giocare almeno altre due partite europee, lo sapremo solo domani sera dopo le 23. Scrivo prima della conferenza stampa di Andrea Pirlo alla vigilia della partita perché è giusto mettere nero su bianco alcune considerazioni ad occhi chiusi, prima di aver visto e sentito come sta la squadra a livello emotivo. Ed è proprio quello che conta tantissimo, anzi tutto: l’emotività. Negli ultimi anni, ogni volta che siamo usciti dalla Champions (anche in finale) l’abbiamo fatto ben prima del triplice fischio, perdendo la partita (nei 180 minuti) sul piano mentale. A Berlino forse l’unica eccezione, anche se probabilmente la mancata concessione del rigore netto su Pogba e il successivo raddoppio Barca ci fecero comunque crollare anzitempo; poi contro il Bayern la perdemmo per la paura di perderla, rintanandoci in difesa quando sarebbe stato opportuno cercare un altro gol; a Cardiff siamo a malapena scesi in campo e dopo l’1-2 ancora una volta ci siamo terrorizzati da soli senza reagire; nel 2018 ancora contro il Real abbiamo buttato l’andata con addosso la paura dell’avversario, per poi fermarci sullo 0-3 al ritorno puntando ai supplementari, sempre per la paura di prendere gol; contro l’Ajax la paura dell’eliminazione era nell’aria fin dal fischio d’inizio; contro il Lione la sensazione, tra andata e ritorno, era quella di non potercela fare, quasi fossimo incapaci di fare gol. Paura, paura, paura. La Juventus insegna questo (agli altri, perché da se stessa non riesce ad imparare nulla): che nel calcio, come nella vita, il modo migliore per far accadere qualcosa è aver paura che accada. La paura materializza l’indesiderato. Allora, se la Juventus vuole superare il Porto e ritrovarsi tra le prime 8 d’Europa, l’unica cosa che non deve fare è avere paura. I giocatori devono andare in campo pensando di potercela fare, in parte di avercela già fatta. Con grinta, con rabbia, con determinazione. Bisogna crederci quando si affrontano delle sfide, altrimenti è inutile provarci. Da Cristiano Ronaldo a tutti gli altri. Chi ha paura ha già perso.

One Reply to “Se la Juve ha paura, ha già perso”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.