Pirlo pre Atalanta-Juventus di Coppa Italia: “Sappiamo che partita aspettarci”

La conferenza stampa di Andrea Pirlo pre Atalanta-Juventus finale di Coppa Italia, martedì 18 maggio 2021

Pirlo: “La partita sarà simile a quelle di campionato. Quando incontri l’Atalanta lo sai più o meno dove vai a finire. È una squadra che ti porta ad alzare il ritmo, gioca con grande intensità e ti porta a fare una partita quasi a livello europeo. Siamo pronti per questo. Li conosciamo, loro conoscono noi, sappiamo a che cosa andremo incontro domani e quale tipo di partita. Non credo sarà una partita molto diversa dalle altre due”.

“È semplice rimanere concentrati su entrambe le partite tra Atalanta e Bologna. Pensiamo alla partita di domani che è una finale, c’è un trofeo da alzare. Al resto penseremo da giovedì. Noi siamo concentrati solo su questa partita perché ci siamo guadagnati una finale sul campo battendo l’Inter in semifinale in due partite molto combattute, adesso abbiamo grande voglia di poter portare a casa questo trofeo che è la Coppa Italia”.

“Bonucci non giocherà domani perché ha avuto un problema al ginocchio ieri mattina in allenamento, non potrà essere neanche a disposizione, ha avuto una distorsione al ginocchio in una partitella. Domani non sarà a disposizione”.

“Il nostro aspetto mentale non cambierà, siamo concentrati solo sulla finale di domani. Quello che è successo domenica ormai è passato ma non ci deve intaccare mentalmente, non ci deve far perdere energie perché dobbiamo averle solo per domani. Poi inizieremo a parlare della partita di domenica. Fino a domani sera dobbiamo essere concentrati al 100% per portare a casa il trofeo”.

“Ho già risposto mille volte sul mio futuro, continuo a rispondere allo stesso modo: penso a fare bene il mio lavoro, a finire questa stagione alla grande, cercando di vincere la finale di domani e cercando di vincere la partita di domenica. Poi per il futuro ci sarà tempo per parlarne”.

“Abbiamo diverse soluzioni in attacco, i giocatori d’attacco stanno tutti bene. Non era la prima volta che Kulusevski giocava in quella posizione. Ha giocato già parecchie volte, può essere una soluzione dall’inizio o in corsa. Quelli davanti stanno bene. Domani decideremo chi far partire dall’inizio”.

“A livello fisico la Juventus sta molto bene. Ogni partita e ogni allenamento guardiamo i dati di quello che facciamo in campo, i dati ci danno ragione. La squadra corre più degli altri, sprinta più degli altri. Nell’ultima partita contro l’Inter nonostante fossimo in 10 abbiamo lavorato bene, nella partita col Milan avevamo corso uguale. A livello fisico stiamo bene, in questo periodo è la testa quello che conta di più. Se con la testa stai bene le gambe vanno da sole”.

“È bello che ci siano finalmente i tifosi, è entusiasmante. Quest’anno abbiamo avuto la fortuna di giocare due volte in Champions con un po’ di spettatori, quasi 20.000. La differenza la si nota. Ci sono squadre che sono più abituate ad avere pressioni e tifosi che ti spingono alle spalle. Anche perché ti possono alzare l’attenzione e dare entusiasmo. Noi siamo una squadra che ha bisogno di stimoli, di sentire un po’ di ritmo fuori del campo per farci alzare l’attenzione. Qualche volta quest’anno è mancata”.

“Dybala sta bene. Si è allenato bene. Ha giocato con il Sassuolo una buona partita. L’altro giorno non c’è stato modo di poterlo mettere in campo perché eravamo rimasti in dieci. È a disposizione e pronto per giocare”.

“Sono stato fortunato a fare già due finali alla prima stagione. Gasperini in tanti anni è riuscito a farne solo due, nonostante le sue capacità che ha dimostrato e sta dimostrando in questi anni. Sono due percorsi diversi, due allenatori diversi con due caratteri diversi. Lui sicuramente si sta togliendo grandissime soddisfazioni con tutto il lavoro che sta facendo, ha portato l’Atalanta a giocare la Champions League a un certo livello, è ormai riconosciuta in tutta Europa e bisogna fargli solo i complimenti. Io sono solo all’inizio e speriamo di farne tante altre”.

One Reply to “Pirlo pre Atalanta-Juventus di Coppa Italia: “Sappiamo che partita aspettarci””

  1. Una partita “quasi a livello europeo” è un’ammissione implicita che in Italia si gioca un calcio non europeo. Poi, la precisazione sulle due finali in un anno come Gasperini in tanti, racconta molto. Una delle due finali te la sei giocata grazie a Sarri…Gasperini ha fatto 2 finali di Coppa Italia conquistate sul campo. Mah…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.